Manel Torrents: “La cosa più importante in un salvataggio è calmare le persone intrappolate nell’ascensore”.

Indice dei contenuti

Vi siete mai chiesti come sia la vita quotidiana di un tecnico di ascensori? Qual è la situazione più surreale mai vissuta in un ascensore? Per rispondere a queste e a molte altre domande curiose, abbiamo parlato con Manel Torrents, responsabile del servizio di manutenzione di Eninter Ascensores. Non perdetevi questa interessante intervista perché è imperdibile!

I guasti e la loro risoluzione sono il lavoro quotidiano del team tecnico, ma… Quanti guasti risolve il dipartimento tecnico al giorno?

Nell’area metropolitana di Barcellona trattiamo in media tra le 125 e le 150 segnalazioni al giorno (attualmente siamo a 100/120).

Quanti guasti può risolvere un tecnico al giorno?

Un tecnico è in grado di eseguire in media da 8 a 10 guasti. Dipende molto dal tipo di guasto, ma nel caso delle tempeste, ad esempio, abbiamo guasti geograficamente più vicini, quindi possiamo risolverne molti di più. Nel caso di guasti più complicati, il numero si riduce.

Quali sono i tipi di guasti più comuni?

La maggior parte dei guasti di cui ci occupiamo riguarda le porte, che funzionano con meccanismi molto complessi e diversi contatti di sicurezza.

Immagino che in più di un’occasione vi siate imbattuti in una o più persone intrappolate in un ascensore. In questi casi, come si effettua un salvataggio in ascensore?

Quando effettuiamo un salvataggio, la prima cosa che facciamo è calmare le persone bloccate nell’ascensore e informarle che stiamo lavorando per farle uscire con la massima urgenza e, soprattutto, nel modo più sicuro possibile. Li informiamo che all’interno dell’ascensore non succederà nulla, che non devono avvicinarsi alle porte della cabina, che non devono cercare di uscire da soli e che devono aspettare che noi apriamo la porta. Quando le persone si sono calmate, andiamo nella sala macchine, spegniamo la corrente e seguiamo il protocollo di salvataggio stabilito, a seconda del tipo di ascensore. La cosa più importante in questi casi è calmare gli utenti intrappolati.

In tutta la sua carriera professionale ha effettuato molti salvataggi, qual è stato il più difficile che ha portato a termine?

Il salvataggio più difficile che abbia mai effettuato è stato in un ascensore in via Balmes a Barcellona. Gli utenti hanno superato di gran lunga il carico massimo consentito e quando sono scesi sono stati attivati i freni di sicurezza. Erano chiusi in quello che noi chiamiamo piano cieco, cioè senza porta, e quando siamo arrivati, quando abbiamo cercato di spostare l’ascensore verso l’alto per sbloccarlo, i cavi hanno iniziato a scivolare dalla puleggia e non siamo riusciti a muoverlo. Anche i vigili del fuoco hanno cercato di spostarlo, ma non ci sono riusciti e alla fine un paio di meccanici di Eninter Ascensores hanno dovuto smontare i cunei per far uscire le persone intrappolate. Il salvataggio è durato ore.

Quali sono i tipi di reazione più comuni per le persone che rimangono intrappolate in un ascensore?

Di solito le persone sono spaventate o arrabbiate. Abbiamo visto reazioni di tutti i tipi, da persone che ci chiamano dal cellulare con tutta la tranquillità del mondo, senza dare l’allarme, a persone che devono aspettare una chiamata per poter essere portate fuori.

Ricorda qualche aneddoto degno di nota di persone rimaste intrappolate in un ascensore?

Ricorderò sempre il giorno in cui il Barça ha vinto la Champions League a Parigi. Dopo la partita, che ho visto con i miei amici, mi hanno detto di andare a festeggiare alla Canaletas, ma ho detto loro che era meglio di no, che ero in servizio e sono andato a casa. Prima del mio arrivo, sono stato chiamato a prestare soccorso nella Travesera de las Corts, di fronte al Camp Nou. Durante il tragitto, la gente ha festeggiato la vittoria con applausi, canzoni e fischi d’auto. Appena arrivata, ho incontrato un ragazzo che mi ha chiesto se ero io quella dell’ascensore; alla mia risposta affermativa, era molto contento e mi ha accompagnata all’ascensore, spiegandomi che il pericolo era passato perché erano riusciti a smontare lo spioncino e ora l’aria circolava nella cabina.

Quando sono arrivato alla porta dell’ascensore, era più la festa nella cabina dell’ascensore che l’aria che scorreva. Si stavano divertendo molto. Quando ho aperto la porta ho visto che c’erano 7 o 8 persone in una cabina da 4. Di solito, quando si violano le norme di sicurezza, li rimprovero, ma sono venuti fuori così di buon umore, dandomi abbracci e baci, che mi è stato impossibile farlo.

 

 

Nuova call-to-action

Condividi questo articolo

logo eninter

Manutenzione degli ascensori multimarca

Da 51 anni ci occupiamo della manutenzione di ascensori di tutte le marche e modelli con una garanzia assoluta. Abbiamo un prezzo competitivo e ci adattiamo a qualsiasi tipo di cliente.

Nuova call-to-action

Ultime pubblicazioni

Chiedeteci un preventivo

Comunicateci il servizio che state cercando e vi forniremo un preventivo su misura.

Ricevere aggiornamenti e notizie esclusive

logo eninter

Consulta Gratuita

Expertos a tu Disposición

En Eninter, sabemos que cada cada proyecto tienen sus propias necesidades y desafíos. Por ello, ofrecemos una consulta gratuita para entender mejor tus requerimientos y ayudarte a encontrar la solución más adecuada para ti.

logo eninter

Presupuestos personalizados

De todos los servicios y productos de ENINTER

Dinos el servicio que estás buscando, déjanos tus datos, y te realizaremos un presupuesto a medida.

logo eninter

Consultazione gratuita

Esperti a disposizione

Noi di Eninter sappiamo che ogni progetto ha le sue esigenze e le sue sfide. Ecco perché offriamo una consulenza gratuita per capire meglio le vostre esigenze e aiutarvi a trovare la soluzione giusta per voi.

logo eninter

Citazioni personalizzate

Di tutti i servizi e prodotti ENINTER

Comunicateci il servizio che state cercando, lasciateci i vostri dati e vi forniremo un preventivo su misura.